Sign in with Google+ Sign in with LinkedIn

Religiosità Popolare

religiositapopolare

Le nostre nonne per chiedere una grazia o per conoscere l’esito di un evento che stava loro a cuore invocavano Santa Elena per sette sere consecutive con la seguente preghiera.  La settima sera avevano segni premonitori nel sonno.

A Santa Lèna

Santa Lèna ‘mperatrice,
matra de Custantine ‘mpératore
dallu céle calaste
e sulla tèrra veniste,
trèntatré  janne lu monde cammenaste,
trèntatré  palme fuche la tèrra la cavaste,
la croce de Criste la truuaste,
cu lli sante mani la prendeste
e ccu lla santa bocca la baciaste,
al fiume de Giordane la purtaste,
colle tue mani la lavaste
e con i tuoi capélli l’asciugaste,
alla tomba de San Piétre la purtaste,
sulla piètra de marme la pusaste,
tre mésse ha’ fatte célebrà,
tre morte ha’ fatte resuscetà,
Santa Lèna, intercessore de Criste,
tu quésta grazia me l’ada fa; ( si chiede la grazia)
famme sunnà:
chiésia illuminata,
giardine fiorite
e ttàvela apparecchiata.

Sant’Elena imperatrice,
madre di Costantino imperatore,
dal cielo scendesti
e sulla terra venisti,
per trentatré anni per  il mondo girasti,
trentatré palmi in profondità la terra scavasti,
la croce di Cristo trovasti,
con le tue sante mani la prendesti
e con la santa bocca la baciasti,
al fiume Giordano la portasti,
con le tue mani la lavasti
e con i tuoi capelli l’asciugasti,
alla tomba di San Pietro la portasti,
sulla pietra di marmo la posasti,
tre messe hai fatto celebrare,
tre morti hai fatto risuscitare,
Sant’Elena, interceditrice di Cristo,
tu questa grazia me la devi fare; (si chiede la grazia)
fammi sognare:
una chiesa illuminata,
un giardino fiorito
e una tavola apparecchiata.

 

Canti

vadda stig

Sei bambinella d’amor

Che bbèlle capille che tti’,
e vvoje lì e vvoje là e mme n’ha’ fatte nnammurà
(var. e oilì e oilà, me faje nnammurà).
Rit. Sei bambinèlla, sei bambinèlla d’amor.
Che bbèlla fronta che tti,
e vvoje lì e vvoje là e mme n’ha’ fatte nnammurà
Rit.
Che bbèll’occhie che tti,
e vvoje lì e vvoje là e mme n’ha’ fatte nnammurà
Rit.
Che bbèlle nase che tti,
e vvoje lì e vvoje là e mme n’ha’ fatte nnammurà
Rit.
Che bbèlla vocca che tti,
e vvoje lì e vvoje là e mme n’ha’ fatte nnammurà
Rit.
Che bbèlle pétte che tti,
e vvoje lì e vvoje là e mme n’ha’ fatte nnammurà .
Rit.

 

Giochi

giochi

Ho perso la pecorella

Dopo avere scelto con la conta la pastorella, le bambine si disponevano in cerchio, al cui centro si poneva la prescelta che dialogava con le compagne cantando così:

Pastorella: - Ho perso la pecorella la ngiro ngèlla,
ho perso la pecorella la ngiro cavalié’.
Coro: - Dove l’avete persa, la ngiro ngèlla,
dove l’avete persa la ngiro cavalié’?
Pastorella: - L’ho persa in questo luogo la ngiro ngèlla,
l’ho persa in questo luogo la ngiro cavalié’.
Coro: - Il vestito come l’aveva la ngiro ngèlla,
il vestito come l’aveva la ngiro cavalié’?
Pastorella: - Il vestito l’aveva rosso la ngiro ngèlla,
il vestito l’aveva rosso la ngiro cavalié’.
Coro: - Le scarpe come l’aveva la ngiro ngèlla,
le scarpe come l’aveva la ngiro cavalié’?
Pastorella: - Le scarpe le aveva bianche la ngiro ngèlla,
le scarpe le aveva bianche la ngiro cavalié’.
Coro: - I capelli come l’aveva la ngiro ngèlla,
i capelli come l’aveva la ngiro cavalié’?
Pastorella: - I capelli li aveva biondi la ngiro ngèlla,
i capelli li aveva biondi la ngiro cavalié’.
Coro: - Il nome come l’aveva la ngiro ngèlla,
il nome come l’aveva la ngiro cavalié’.
Pastorella: - Il nome l’aveva Ninétta la ngiro ngèlla,
il nome l’aveva Ninétta la ngiro cavalié’.
La bambina che aveva le caratteristiche espresse prendeva il posto della pastorella.

 

Chi c'è online

Abbiamo 44 visitatori e nessun utente online

Proverbi

  • Ogne recchézza dalla tèrra viène, ogne allegrézza dallu còre viène.
    image Ogni ricchezza viene dalla terra, ogni gioia viene dal cuore.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6

Gallery