Sign in with Google+ Sign in with LinkedIn

Fiabe e Favole

fiabeefavole

Mamma Nannòrca
Ce stéva na vòta n’òme che stéva spusate cu nna fémmena e ttenévene pure na menénna bbèllafàtta nu mare. Nu bbrutte jurne la mugghière jè mmòrta e isse, dòppe che jjè state vìdeve pe nnu bbèlle poche de témpe, ha ddecise de nzuràrece arrète e cce ha ppigghiate a nna védeva cu nna figghia.
La seconda mugghière mmaletrattava nu mare a lla figghiastra e lli facéva fà li sruvizia da sèreva.
Nu jurne l’ha ccumandata de jì a gghiettà la munézza inte lu fosse adova stéva de casa Mamma Nannòrca. La menénna ha ppigghiate la pulégna e jjènne abbijata. Come jettava la munnézza, la pulégna l’è scappata da mmane. La pòvera menénna no nzapéva come jèva fà. Avéva pajura de jìrece a rreterà a lla casa sènza la pulégna; no ntenéva, però, manche lu curagge d’asscégne accata Mamma Nannòrca pe ffàrecela dà nderète.
Dòppe che cce ha ppenzate nu pòche, ha ddecise de dice a Mmamma Nannòrca:
“Mamma Nannò’, m’ada dà nderète la pulégna?”
“Asscigne e jànnetela pigghia” ha rresposte la stréja.
La menénna, che avéva pajura che lla stréja ce la magnava, jènne asscénta cu llu còre che cce ne vuléva fuje da mpétte. Come ha vviste a Mmamma Nannòrca, quésta l’ha dditte:
“Prime de dàrete nderète la pulégna, m’ada zappà la casa.”
La menénna, mméce de pigghià la zappa, ha ppigghiate la scopa e ha scupate bbèlla bbèlla la casa che stéva ssciòcca nu mare.
Come ha ffenute, la stréja l’ha dditte de zappàreli la ciòcca. La menénna ha ppigghiate la pettenéssa e ccu ttanta delecatézza ha ntricciate a mMamma Nannòrca.
La stréja quante jè rrumasta pe ccome la menénna c’èva cumpurtata e ll’ha vvelute fà nu rijale. L’ha ppurtata nnante e nn’armadia chiéna de vèste e ll’ha addummannata si vvuléva la vèsta de sacche o quédda de séta. La menénna, che stéva sèmpe addeméssa e stéva abbetuata a nno mpretènne ma’ nénte a lla casa, ha rresposte sùbbete che vvuléva la vèsta de sacche, ma Mamma Nannòrca l’ha ddate quédda de séta. Po’ l’ha dditte de capàrece nu pare de scarpe e lla menénna ce ha ccapate quéddi cchiù bbrutte. Mamma Nannòrca, però, l’ha ddate quéddi cchiù bbèlle.
Dòppe che ll’ha ffatte métte ncodde la vèsta de séta e lli scarpe che jjèvene bbèlle nu mare, Mamma Nannòrca l’ha ddate nderète la pulégna e ll’ha dditte che cce ne putéva jì a rreterà a lla casa. Prime che lla menénna ce ne jéva, l’ha rraccumannata, quanne passava pe ssotta lu ponte, de no mmòve la ciòcca quanne sentéva arragghià lu ciucce e dde ajjavuzàrela quanne sentéva cantà lu jadde. La uagliòla, dòppe che ha rrengraziate e ssalutate a lla stréja, ce n’è gghiuta.
Quanne jè ppassata pe ssotta lu ponte e ha ssentute lu ciucce che arragghiava, non c’è smòsta, ma come ha ssentute lu cuccuracù de llu jadde, ha ajjavuzate la ciòcca e cc’è ttruuata mpronta na stédda che llucechijava nu mare. Jè rreterata a lla casa vestuta come na prencepéssa e jjèva cchiù bbèlla de llu sole.
La matrèja, come l’ha vvista, jè rrumasta frédda. Ha vvelute sùbbete sapé come jéva fatte p’avé quédda vèsta, quéddi scarpe e lla stédda mpronta. La figghiastra l’ha arraccuntate tutte còse.
Rusecata da lla mmidia, la matrèja ha vvelute fà jì pure a lla figghia che cce ha ffatte scappà appòsta la pulégna da mmane e ppo’ ha addummannate a Mmamma Nannòrca de dàrenela nderète. Pure quésta vòta la stréja ha dditte a lla menénna d’asscégne pe ppigghiàrecela.
Come la menénna ha vvute l’órdene de zappà la casa, ha ppigghiate la zappa e ha arrevunate tutte l’àstreche. Mméce de fà lu cape a Mmamma Nannòrca, l’ha tterate tutte li capidde. Quanne po’ ce ha ccapate la vèsta de séta, Mamma Nannòrca l’ha ddate quédda de sacche e lli scarpe cchiù bbèlle la stréja l’ha ccagnate cu lli cchiù bbrutte. Prime che lla uagliòla ce ne jéva a lla casa, Mamma Nannòrca l’ha dditte che ssotta lu ponte jèva ajjavuzà la ciòcca quanne arragghiava lu ciucce e jjèva sta fitta quanne cantava lu jadde. La uagliòla, despiaciuta nu mare, ce n’è gghiuta.
Quanne jènne arrevata sotta lu ponte e ha ssentute lu jadde cantà, no nc’è smòsta. Come lu ciucce ha arragghiate, jéssa ha ajjavuzate la ciòcca e jjè ttruuata cu ddoje récchie de ciucce.
Apparicchiata a qquédda  manéra, ce n’è gghiuta a lla casa adova la mamma, che nno vvedéva l’ora de vedé a lla figghia, jè mmòrta sckattata pe llu delore.

Mamma Orca
C’erano una volta un uomo e una donna felicemente sposati che avevano una bambina molto carina. Un brutto giorno la moglie morì e lui, dopo essere rimasto vedovo per parecchio tempo, decise di riprendere moglie e si sposò con una donna anch’essa vedova con una figlia.
La donna maltrattava molto la figliastra sottoponendola ai lavori più umili.
Un giorno le ordinò di andare a buttare l’immondizia nel fosso dove abitava Mamma Orca. La bambina prese la pulégna* e si avviò. Nell’atto di buttare l’immondizia,  la pulégna le cadde dalle mani. La poverina non sapeva che cosa fare. Ritornare dalla matrigna senza la pulégna, la terrorizzava; scendere da Mamma Orca per farsela restituire, non ne aveva il coraggio.
Dopo aver riflettuto un po’, decise di rivolgersi direttamente a Mamma Orca dicendole:
“Mamma Orca, mi ridai la pulégna?”
“Scendi e vieni a prenderla” le rispose la strega.
La bambina, che temeva di essere mangiata dalla strega, scese con il cuore in gola. Appena si trovò di fronte a Mamma Orca, questa le disse:
“Prima di restituirti la pulégna, mi devi zappare  la casa.”
La bambina, invece di prendere la zappa, prese la scopa e ripulì accuratamente la casa, che era molto in disordine.
Appena finì, la strega le ordinò di zapparle la testa. La bambina prese il pettine e intrecciò i capelli di Mamma Orca con molta delicatezza.
La strega fu molto colpita dal comportamento della bambina e volle premiarla. La condusse davanti ad un armadio pieno di vestiti e le chiese se voleva il vestito di sacco o di seta. La bambina, che era molto remissiva ed era abituata a non pretendere mai niente a casa sua, rispose subito che sceglieva quello di sacco, ma Mamma Orca le diede quello di seta. Poi la invitò a scegliersi un paio di scarpe e la bambina scelse le più brutte. Mamma Orca, però, le diede quelle più belle.
Dopo averle fatto indossare l’abito di seta, che era stupendo, e le scarpe che erano bellissime, Mamma Orca le restituì la pulégna e le diede il permesso di ritornare a casa. Prima che la bambina andasse via, le raccomandò di non muovere la testa al raglio dell’asino e di  alzarla al canto del gallo, quando passava sotto il ponte. La fanciulla, dopo aver salutato e ringraziato la strega, andò via.
Quando passò sotto il ponte e sentì l’asino ragliare, non si mosse, ma appena sentì il chicchirichì del gallo, alzò la testa e si trovò sulla fronte una stella che brillava. Ritornò a casa vestita come una principessa ed era bella più del sole.
La matrigna, nel vederla, rimase di sasso. Volle subito sapere come avesse fatto a procurarsi quel vestito, quelle scarpe e la stella sulla fronte. La figliastra le raccontò tutto.
Rosa dall’invidia, la matrigna volle mandare anche la figlia che si fece cadere la pulégna dalle mani apposta e poi chiese a Mamma Orca di ridargliela. Anche questa volta la strega invitò la bambina a scendere per riprendersela.
Appena la bambina ebbe l’ordine di zappare la casa, prese una zappa e rovinò completamente il pavimento. Invece di pettinare Mamma Orca, le strappò tutti i capelli. Quando poi scelse il vestito di seta, Mamma Orca le diede quello di sacco e le scarpe più belle le sostituì con le più brutte. Prima che la ragazza andasse via, la strega le disse che sotto il ponte avrebbe dovuto alzare la testa al raglio dell’asino e rimanere ferma al canto del gallo. La ragazza, molto delusa, andò via.
Quando arrivò sotto il ponte e sentì il gallo cantare, lei non si mosse. Appena l’asino ragliò, lei alzò la testa e si trovò con due orecchie di asino.
Conciata a quel modo, fece ritorno a casa dove la madre, che non vedeva l’ora di vedere la figlia, schiattò per il dolore.

 

Tratto da Fiabe e Favole

 

Chi c'è online

Abbiamo 34 visitatori e nessun utente online

Proverbi

  • Ogne recchézza dalla tèrra viène, ogne allegrézza dallu còre viène.
    image Ogni ricchezza viene dalla terra, ogni gioia viene dal cuore.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6

Gallery