Sign in with Google+ Sign in with LinkedIn

Proverbi2

proberbi book w

Lu jurne la nCannelòra
e lla vernata jènne assciuta fòre.
Ce vòta la vécchia arrajata:

- Quanne sciurisce la vucaca,
ma pe jjèsse cchiù ssecura
quanne càlene li meteture.

Ndanne me lève lu mijo tabbane
quanne véde li manocchie a Mméze lu Chiane.

Il giorno della festa della Candelora (2 febbraio)
l’inverno è passato.

Risponde la vecchia irritata:
- Quando fiorisce il paliuro,
ma per essere più sicura
quando i mietitori vanno a mietere.

Toglierò il mio tabarro
quando vedrò i covoni a Largo Piano.

Anticamente l’inverno durava di più, addirittura si consigliava di alleggerirsi dei vestiti nel mese di luglio, ma ad agosto occorreva già coprirsi perché erano in arrivo i primi freddi.

No mpò passà Carnuuale sènza maccarune”

Non può passare la festa di Carnevale senza consumare i troccoli fatti in casa conditi con ragù di carne.

 

Seperator R 

 

 Tratti da "I proverbi popolari di San Marco in Lamis"

 

StampaEmail

Chi c'è online

Abbiamo 4 visitatori e nessun utente online

Proverbi

  • Ogne recchézza dalla tèrra viène, ogne allegrézza dallu còre viène.
    image Ogni ricchezza viene dalla terra, ogni gioia viene dal cuore.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6

Gallery